Dogs of the Dow 2019

Anno nuovo e strategia Dogs of the Dow che deve essere aggiornata con i nuovi dati. In questo articolo troverai quindi i nome delle azioni delle società che entrano e quelle che escono dai Dogs of the Dow 2019, andando a comporre il portafoglio che ti accompagnerà lungo tutto l’anno. Se vuoi saperne di più ti consiglio di leggere come funziona la strategia Dogs of the Dow per capire se questa metodologia di investimento fa al caso tuo o no.

Si tratta comunque di una strategia molto semplice la cui logica è quella di acquistare le azioni che hanno un rapporto dividend/yield più alto. Questo in teoria serve per selezionare dei titoli che sono sottovalutati rispetto agli altri, ovviamente “in teoria” perchè non basta solo un semplice rapporto dividend/yield per sapere la sotto/sopravvalutazione di un azione rispetto al mercato.



Comunque questa strategia ha funzionato bene nel corso del tempo anche se alcuni anni, come lo scorso 2018, hanno avuto al loro interno dei “big losers”. General Electric infatti l’anno scorso era tra i 10 titoli selezionati ma quasi da sola ha cancellato tutto il guadagno annuale di questa strategia.

La società viene da un anno in cui ha avuto moltissimi problemi con connesso tagli del dividendo. E il mercato ne ha ridotto le quotazioni ai minimi termini facendo perdere all’azione un valore del 57%.

La strategia Dogs of the Dow anche se ha avuto un rendimento annuale negativo dell’1,5% è riuscita a fare meglio degli indici benchmark visto che il Dow Jones ha lasciato sul terreno circa il 6% mentre l’indice S&P 500 ha perso nel 2018 il 6,2%.

DOGS OF THE DOW 2019

Grazie al sito della CNBC (link qui) andiamo quindi a vedere i dieci titoli aggiornati che compongono i Dogs of the Dow 2019:

Esce dai Dogs General Electric, che esce anche dall’indice Dow Jones, e al suo posto troviamo un titolo finanziario JP Morgan Chase & CO. Gli altri 9 titoli rimangono gli stessi dell’anno scorso. Il turnover delle azioni per il 2019 è quindi molto basso attestandosi al 10%.

DIFETTI DELLA STRATEGIA DOGS OF THE DOW

Come tutte le strategie anche quella chiamata Dogs of the Dow ha i suoi limiti, nessuna può funzionare bene il 100% del tempo, se no saremmo tutti ricchi no? Come scritto in precedenza la strategia Dogs of the Dow si basa sul rapporto dividend yield, la formula per calcolarlo è questa:





Basarsi solo sul dividendo più alto in rapporto al prezzo dell’azione non sempre dai i suoi frutti, spesso può essere sinonimo di problemi nella società e il mercato può scontare un possibile taglio del dividendo. Vedi proprio quello che è successo l’anno scorso a General Electric:

GE taglia il dividendo

E’ sempre bene stare attenti alle azioni di società che in bilancio hanno tanti debiti. Troppo debito non porta mai buoni risultati, anche se sei un’azienda storica.

Quello che ti consiglio è di usare la strategia Dogs of the Dow 2019 come approccio iniziale di selezione titoli. Non replicarla alla cieca basandoti solo sui rendimenti passati. Piuttosto studiati quelle dieci azioni e inserisci all’interno del tuo portafoglio quelle migliori sperando di evitare la prossima General Electric.

 

Lascia un commento