Strategia Dogs of the Dow

L’inizio del nuovo anno ci dà la possibilità di parlare della strategia di investimento Dogs of the Dow. Questo è un metodo molto semplice che si basa sullo stock picking di determinate azioni che compongono l’indice Dow Jones Industrial Average. Molto conosciuto negli Stati Uniti, la sua nascita si fa risalire addirittura agli anni ’30, ha avuto la sua diffusione nel 1991 grazie al libro di  Michael B. O’Higgins dal titolo Beating the Dow.
L’obiettivo della strategia è quello di selezionare le azioni delle società che hanno le maggiori possibilità di sovraperformare gli indici di borsa. E dai risultati ottenuti negli USA questa strategia sembra aver funzionato bene negli anni passati e soprattutto sembra aver funzionato per un lungo periodo di tempo.

COME FUNZIONA

L’ultimo giorno dell’anno, alla chiusura delle quotazioni dell’indice Dow Jones,  si selezionano le dieci azioni che risultano avere il dividend yield più alto tra le trenta che compongono il paniere.
Il portafoglio dovrà essere composto da dieci posizioni di uguale valore. Per esempio se avete un capitale di 50.000 € da investire andrete ad acquistare 5.000 € per ciascuna delle dieci azioni selezionate.
La strategia è veramente tutta qui.
Anche la gestione delle posizioni è molto facile in quanto la regola impone di tenere le azioni per tutto l’anno solare. Nell’ultimo giorno di quotazione dell’anno successivo si procederà con lo stilare la nuova classifica. Venderete le azioni uscite dalla graduatoria e acquisterete le nuove.

RENDIMENTI OTTENUTI

Ma passiamo a ciò che conta veramente, il rendimento della strategia Dogs of the Dow. A tal fine qui di seguito trovate un grafico che evidenzia l’evoluzione dei ritorni ottenuti confrontati con quelli dell’indice S&P 500:

SOURCES: DOGSOFTHEDOW.COM, WWW.MULTPL.COM. INCLUDES DIVIDENDS; DOESN’T INCLUDE COMMISSIONS OR TAXES.

In un periodo di tempo di quasi 20 anni, che va dal 1996 al 2013, si nota come nella prima parte del periodo (l’era delle dot.com) la strategia non abbia funzionato molto bene e non abbia sovraperformato l’indice. Dal 2003 ma soprattutto dal 2009 invece i Dogs of the Dow hanno sovraperformato il benchmark.

VANTAGGI DELLA STRATEGIA DOGS OF THE DOW

I vantaggi di questo metodo sono secondo me molti e li elenco qui di seguito:
– semplicità;
– non è necessario essere esperti di mercati finanziari;
– basso turnover di portafoglio;
– bassi costi di commissione (dovuti al punto precedente);
– rendimenti discreti in passato.

Tra i vantaggi elencati mi volevo in particolare soffermare sul basso turnover del portafoglio. Nella tabella qui sotto trovate i dieci titoli che ogni anno la strategia avrebbe selezionato per il periodo 2005-2017:

Innanzitutto si può rapidamente vedere come alcuni titoli siano quasi sempre presenti nei fortunati dieci. Per esempio Verizon (VZ) e General Electric (GE) su tutti, ma anche AT&T (T) ci va vicino.
Comunque nel periodo selezionato il turnover è stato del 25%.  Quindi da un anno all’altro vengono cambiate in media 2,5 posizioni.

CONCLUSIONE

La strategia come avete visto è di una semplicità assoluta e pertanto a ciò si deve la sua diffusione tra gli investitori.
Si tratta di una buona alternativa per chi non vuole investire in fondi di investimento e non ha molto tempo e/o voglia di seguire quotidianamente i mercati finanziari.
Con il metodo Dogs of the Dow effettivamente potete accendere il pc e accedere al vostro broker online una volta all’anno per effettuare le variazioni nel portafoglio e poi dedicarvi a tutt’altro per il resto del tempo.

Come si è visto però i rendimenti non sono garantiti e vi potrebbero essere periodi più o meno lunghi in cui la strategia non riesce a fare meglio del benchmark. Ma questo è un osservazione da tenere presente in ogni investimento. I rendimenti ottenuti nel passato infatti non sono garanzia degli stessi rendimenti in futuro.

Titolo: Beating the Dow: A High-Return, Low-Risk Method
for Investing in the Dow Jones Industrial Stocks

Autore: Michael O’Higgins
Editore: Harperbusiness
ISBN: 978-0066620473
Pagine: 300
Formato: Copertina flessibile
Anno edizione: 2000
Prezzo intero: € 13,59

 

FONTI:
– Sito Dog of the Dow
Rendimenti strategia
– Turnover

Lascia un commento